Recensione di ‘Doctor Strange: Multiverse of Madness’

Recensione di 'Doctor Strange: Multiverse of Madness'

Benedict Cumberbatch, Elizabeth Olsen e Sam Raimi aggiungono un pizzico di horror alla formula magica della Marvel in questo strano e selvaggio blockbuster.

Dopo più di un decennio e dozzine di film e programmi TV, l’ultima cosa di cui la Marvel ha bisogno è diventare più complicata.
Eppure Doctor Strange nel Multiverso della Follia, che debutterà il 6 maggio nei cinema, crea un melange di retroscena che inducono confusione, che potresti ricordare o meno, più generi e toni, un sacco di nuovi personaggi – e persino versioni alternative di quelli esistenti.
È questo il film con cui la Marvel inizia a perdere il suo pubblico?

No, ovviamente. Nelle mani del regista Sam Raimi, Multiverse of Madness è un atto di equilibrio meravigliosamente sicuro di bizzarre stranezze e dramma umano, che colpisce fan e non.

Se avevo dei dubbi sul primo film di Doctor Strange nel 2016, dove i detrattori parlavano già della stanchezza dei supereroi, e ti chiedevi se la Marvel stesse affrontando un collasso, causato da questo prestigiatore di fumetti meno conosciuto con il suo stravagante mantello, allora devi sapere che la magia della Marvel ha retto, e il pubblico si è rivelato propositivo per il tipico mix di battute del franchise ed effetti visivi strabilianti, anche se il film in se per se, era una storia in origine decisamente di medio valore.

Deve essere stato rassicurante per la gente della Marvel e i loro signori della Disney, sapere che saremmo andati con loro se si fossero spinti negli angoli più strani del canone dei fumetti. Non può far male che la formula Marvel includa anche un simpatico protagonista, interpretato in questo caso da Benedict Cumberbatch.

E così eccoci qui, con il film Marvel più strano di sempre.

Apriamo con Strange che supera un demone di fuoco in un regno cosmico psichedelico in CG, prima di passare a diversi universi, in un’avventura che include mistiche fortezze di montagna, versioni malvagie dei tuoi personaggi preferiti, un magico duello musicale e persone fatte di vernice…e zombi.

A smistare la follia è il regista Raimi

Ha iniziato la sua carriera con la serie horror Evil Dead, ma ha anche supervisionato la trilogia di film di Spider-Man pre-MCU con Tobey Maguire.

In effetti, per Doctor Strange nel Multiverso della Follia, sfrutta sia la sua esperienza horror che quella da supereroe: i primi tratti del film potrebbero essere tratti da un fumetto del 1960, mentre un mostro minaccia una donna che spinge una carrozzina in una colorata strada di New York.

Ma man mano che il film progredisce, aumenta l’orrore. Il potere mostruoso del cattivo è segnalato da jump scares e sinistri film horror fioriscono, costruendo la battaglia finale più macabra che probabilmente vedrai in un blockbuster per famiglie.

Benedict Cumberbatch and Xochitl Gomez and Benedict Wong look puzzled in Marvel's Doctor Strange in the Multiverse of Madness.
Rachel McAdams, Benedict Cumberbatch e Xochitl Gomez in Doctor Strange nel Multiverso della Follia.

Doctor Strange nel Multiverso della Follia: l’inevitabile scena post-credits

I film di supereroi sono diventati snervantemente intensi nel corso degli anni, in particolare il Batman di quest’anno.
Ma dove quel serial killer coltivava un’atmosfera cupa di terrore implacabile, Multiverse of Madness è un marchio di horror molto più divertente.
I fan del regista, di lunga data, riconosceranno elementi familiari tra cui libri maledetti, la telecamera che colpisce le porte che sbattono e altre tecniche stilistiche.

Ma i tocchi di genere horror sono solo una vetrina rispetto alla forza trainante emotiva della narrazione, che si basa su una storia umana riconoscibile. I cattivi della Marvel non sono sempre all’altezza, ma questo film risolve quel problema presentando ai bravi ragazzi scelte impossibili, e poi godendosi le ricadute quando avvengono.

L’ultima volta che abbiamo visto il Dr. Stephen Strange, stava casualmente riorganizzando il tessuto della realtà in modo che Peter Parker potesse di nuovo godersi una vita tranquilla in Spider-Man: No Way Home.

Ma il suo incantesimo ha accidentalmente inaugurato un nuovo capitolo di blockbuster Marvel guidati da universi paralleli che si riversano l’uno nell’altro.
Questo è tanto complicato per i fan quanto lo è per i personaggi, poiché film e programmi TV si incrociano vertiginosamente.

Oltre a seguire No Way Home, Doctor Strange nel Multiverso della Follia porta il familiare vortice MCU della continuità multimediale a nuovi livelli: c’è l’inevitabile scena post-credits che prepara il prossimo film e persino una sinergia cross-brand sotto forma di un trailer di Avatar 2 prima della proiezione.

Fa anche riferimento agli eventi di due programmi tv Disney Plus: Loki che ha creato il multiverso, mentre in WandaVision, Wanda interpretata da Elizabeth Olsen, ha intrappolato una città in una sitcom e ha avuto bambini magici, o qualcosa del genere?

Fortunatamente non hai bisogno di un ricordo intimo di nessuno dei due spettacoli per seguire l’azione in Multiverse of Madness

. Il film indossa la sua continuità alla leggera, usando il concetto di multiverso per andare in grande con camei e colpi di scena sulla tradizione Marvel, che senza dubbio attireranno un sacco di gioia nei cinema affollati.

doctor strange streaming  doctor strange streaming ita  doctor strange  doctor strange film  doctor strange marvel  doctor strange vs hulk doctor strange 1  doctor strange in the multiverse of madness  doctor strange adatto a bambini  doctor strange multiverse of madness  doctor strange vietato ai minori  doctor strange adatto ai bambini  doctor strange adatto bambini  doctor strange bambini
Elizabeth Olsen è la tragica cattiva di Doctor Strange della Marvel

Questo film sa che deve effettivamente presentare un dilemma umano piuttosto che usare solo realtà alternative come espediente.
Gli universi paralleli devono essere più che sandbox pieni di varianti dei nostri eroi gradite ai fan.

Voglio dire, sì, lo sono, e Doctor Strange nel Multiverso della Follia si diverte a mostrare cose che non potrebbero accadere nella nostra realtà principale.
Ma soprattutto usa il multiverso come lente per esplorare la scelta e la possibilità, la fantasia e il rimpianto, prendendo l’idea di essere il tuo sé migliore e rendendolo letterale.
Non è un caso che nel bel mezzo dello spettacolo CG, il colpo finale si svolge nelle circostanze più quotidiane.

Elizabeth Olsen è la protagonista nei panni della super-maga Wanda, che continua il suo viaggio da WandaVision. Quando i suoi poteri sono scatenati è una forza terrificante, ma è ancora una figura simpatica e persino tragica.

Cumberbatch è guardabile come il familiare, affascinante stronzo, ma considerando che è quello con il suo nome nel titolo, Strange è lontano dal personaggio più interessante.

Il suo rapporto con Christine Palmer ovvero Rachel McAdams, sembra qualcosa di cui siamo destinati a preoccuparci, ma la loro dinamica è piuttosto inerte rispetto a ciò che sta accadendo a tutti coloro che li circondano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *