Quando è iniziata la Guerra in Ucraina?

Quando è iniziata la Guerra in Ucraina?

OLTRE 2.200 Il Numero stimato di vittime civili in Ucraina dal 24 febbraio 2022

QUASI 3,5 MILIONI I Rifugiati in fuga dall’Ucraina dal 24 febbraio 2022

PIÙ DI 5,6 MILIARDI DI DOLLARI in totale assistenza statunitense all’Ucraina dal 2014

Da quando la Russia ha lanciato un’invasione militare su vasta scala in Ucraina il 24 febbraio 2022, i combattimenti hanno causato oltre duecento morti civili e spinto milioni di ucraini a fuggire nei paesi vicini, la maggior parte dei quali è arrivata in Polonia, un paese della NATO dove anche le nostre truppe si stanno preparando a offrire assistenza ai rifugiati.

guerra in ucraina  guerra in ucraina ultime notizie  putin news  russi  mosca russia  www.esercito.difesa.it  ucraina russia  news russia  cronaca ucraina  igor vitale  notizie live  ultime notizie russia  nato russia  ultime notizie ucraina  notizie ucraina  russia ucraina  russia oggi

Quando è iniziata la Guerra in Ucraina?

Nell’ottobre 2021, la Russia ha iniziato a spostare truppe e attrezzature militari vicino al confine con l’Ucraina, riaccendendo le preoccupazioni per una potenziale invasione.
Immagini satellitari commerciali, post sui social media e informazioni rilasciate pubblicamente da novembre e dicembre 2021 hanno mostrato armature, missili e altre armi pesanti che si muovevano verso l’Ucraina senza alcuna spiegazione ufficiale.

A dicembre, più di centomila soldati russi erano sul posto vicino al confine tra Russia e Ucraina e funzionari dell’intelligence statunitense hanno avvertito che la Russia avrebbe potuto pianificare un’invasione per l’inizio di 2022.
Da metà dicembre 2021, il ministero degli Esteri russo ha emesso una serie di richieste che chiedono agli Stati Uniti e all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) di cessare qualsiasi attività militare in Europa orientale e Asia centrale, impegnarsi contro un’ulteriore espansione della NATO verso la Russia e impedire all’Ucraina di aderire alla NATO in futuro.

Gli Stati Uniti e altri alleati della NATO hanno respinto queste richieste e hanno avvertito la Russia che avrebbero imposto severe sanzioni economiche se la Russia avesse invaso l’Ucraina. Gli Stati Uniti hanno inviato ulteriore assistenza militare all’Ucraina, tra cui munizioni, armi leggere e altre armi difensive.

All’inizio di febbraio 2022, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato a circa tremila truppe statunitensi di schierarsi in Polonia e Romania – paesi della NATO che confinano con l’Ucraina – per contrastare le truppe russe di stanza vicino al confine con l’Ucraina e rassicurare gli alleati della NATO.

Le immagini satellitari hanno mostrato il più grande dispiegamento di truppe russe al confine con la Bielorussia dalla fine della Guerra Fredda. I negoziati tra Stati Uniti, Russia e potenze europee, tra cui Francia e Germania, non hanno portato a una risoluzione.
Mentre la Russia ha rilasciato una dichiarazione sostenendo di ritirare un certo numero di truppe, sono emerse notizie di una crescente presenza di truppe russe al confine con l’Ucraina.

Alla fine di febbraio 2022, gli Stati Uniti hanno avvertito che la Russia intendeva invadere l’Ucraina, citando la crescente presenza militare della Russia al confine tra Russia e Ucraina.

Leggi anche: Guerra Ucraina: come inviare aiuti e come aiutare il paese

Il presidente russo Vladimir Putin ha quindi ordinato truppe a Luhansk e Donetsk, regioni separatiste dell’Ucraina orientale in parte controllate dai separatisti sostenuti dalla Russia, sostenendo che le truppe svolgevano una funzione di “mantenimento della pace”.

Gli Stati Uniti hanno risposto imponendo sanzioni alle regioni di Luhansk e Donetsk e al gasdotto Nord Stream 2 pochi giorni dopo.
Il 24 febbraio, durante una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per dissuadere la Russia dall’attaccare l’Ucraina, Putin ha annunciato l’inizio di un’invasione terrestre, marittima e aerea su vasta scala dell’Ucraina che prende di mira le risorse militari ucraine e le città in tutto il paese.

Biden ha dichiarato questo attacco “non provocato e ingiustificato” e da allora ha emesso severe sanzioni in coordinamento con gli alleati europei che colpiscono quattro delle più grandi banche della Russia, la sua industria petrolifera e del gas e le esportazioni di tecnologia degli Stati Uniti nel paese.

Guerra in Ucraina: le Nazioni Unite, il G7, l’UE e altri paesi continuano a condannare le azioni russe e a sostenere le forze ucraine.

In una sessione di emergenza delle Nazioni Unite, 141 dei 193 Stati membri hanno votato per condannare l’invasione russa dell’Ucraina e hanno chiesto alla Russia di cessare immediatamente l’uso della forza in Ucraina.

Gli Stati Uniti hanno emesso sanzioni crescenti sulle attività finanziarie di Putin e Sergey Lavrov, il ministro degli Esteri russo, rimuovendo le banche russe dal sistema di messaggistica finanziaria globale SWIFT e vietando le importazioni statunitensi di petrolio e gas naturale russi.

Gli Stati Uniti continuano a impegnare assistenza militare all’Ucraina; dopo il discorso del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy al Congresso il 16 marzo, Biden ha annunciato ulteriori 800 milioni di dollari in assistenza militare. I ministri della difesa della NATO stanno elaborando piani per rafforzare le truppe sul fianco orientale dell’alleanza, portando il numero totale di truppe e eserciti nazionali della NATO a 180.000.

I negoziati diretti tra Russia e Ucraina continuano con segni di progresso, ma nessun accordo formale. Settimane dopo l’invasione russa iniziale, i combattimenti continuano dentro e intorno alle principali città ucraine, con attacchi a ospedali e complessi residenziali.

Quando è iniziata la Guerra in Ucraina

Lo sfondo: motivazioni dietro la guerra Russia – Ucraina

Il conflitto armato nell’Ucraina orientale è scoppiato all’inizio del 2014 in seguito all’annessione della Crimea da parte della Russia.

L’anno precedente, le proteste nella capitale ucraina Kiev contro la decisione del presidente ucraino Viktor Yanukovych di respingere un accordo per una maggiore integrazione economica con l’Unione europea (UE) sono state accolte con una violenta repressione da parte delle forze di sicurezza statali.

Le proteste si sono allargate, intensificando il conflitto, e il presidente Yanukovych è fuggito dal paese nel febbraio 2014.

Un mese dopo, nel marzo 2014, le truppe russe hanno preso il controllo della regione ucraina della Crimea. Il presidente russo Vladimir Putin ha citato la necessità di proteggere i diritti dei cittadini russi e dei russofoni in Crimea e nel sud-est dell’Ucraina.

La Russia ha poi formalmente annesso la penisola dopo che la Crimea ha votato per unirsi alla Federazione Russa in un contestato referendum locale. La crisi ha accentuato le divisioni etniche e due mesi dopo i separatisti filo-russi nelle regioni di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale hanno tenuto un referendum per dichiarare l’indipendenza dall’Ucraina.

Il conflitto armato nella regione è scoppiato rapidamente tra le forze sostenute dalla Russia e l’esercito ucraino.
Mosca ha negato il coinvolgimento militare, anche se sia l’Ucraina che la NATO hanno riferito dell’accumulo di truppe e attrezzature militari russe vicino a Donetsk e dei bombardamenti transfrontalieri russi subito dopo che la Russia ha annesso la Crimea.
Il conflitto è passato a una situazione di stallo attivo, con bombardamenti e schermaglie regolari che si sono verificati lungo la linea del fronte che separava le regioni di confine controllate dalla Russia e dall’Ucraina a est.

A partire dal febbraio 2015, Francia, Germania, Russia e Ucraina hanno tentato di avviare negoziati e mediare una cessazione della violenza attraverso gli accordi di Minsk. Il quadro dell’accordo includeva disposizioni per un cessate il fuoco, il ritiro delle armi pesanti e il pieno controllo del governo ucraino in tutta la zona di conflitto. Tuttavia, gli sforzi per raggiungere una soluzione diplomatica e una soluzione soddisfacente sono stati in gran parte infruttuosi.

Nell’aprile 2016, la NATO ha annunciato che l’alleanza avrebbe schierato quattro battaglioni nell’Europa orientale, ruotando le truppe attraverso Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia per scoraggiare possibili future aggressioni russe altrove in Europa, in particolare nei Paesi Baltici.

Nel settembre 2017, gli Stati Uniti hanno anche schierato due brigate di carri armati dell’esercito americano in Polonia per rafforzare ulteriormente la presenza della NATO nella regione.

Nel gennaio 2018, gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni a ventuno persone – tra cui un certo numero di funzionari russi – e nove società legate al conflitto nell’Ucraina orientale.

Nel marzo 2018, il Dipartimento di Stato ha approvato la vendita di armi anticarro all’Ucraina, la prima vendita di armi letali dall’inizio del conflitto. Nell’ottobre 2018, l’Ucraina si è unita agli Stati Uniti e ad altri sette paesi della NATO in una serie di esercitazioni aeree su larga scala nell’Ucraina occidentale.
Le esercitazioni sono arrivate dopo che la Russia ha tenuto le sue esercitazioni militari annuali nel settembre 2018, le più grandi dalla caduta dell’Unione Sovietica.

L’Ucraina è stata l’obiettivo di migliaia di attacchi informatici.
Nel dicembre 2015, più di 225.000 persone hanno perso energia in tutta l’Ucraina in un attacco alle aziende di produzione di energia, e nel dicembre 2016 parti di Kiev hanno subito un altro blackout elettrico a seguito di un attacco simile contro una società di servizi ucraina.

Nel giugno 2017, i sistemi informatici governativi e aziendali in Ucraina sono stati colpiti dall’attacco informatico NotPetya, che è stato attribuito alla Russia; l’attacco si diffuse ai sistemi informatici di tutto il mondo e causò miliardi di dollari di danni.
Nel febbraio 2022, i siti web del governo ucraino, compresi i ministeri della difesa e degli interni, i siti bancari e altre organizzazioni affiliate sono stati presi di mira da attacchi di negazione del servizio distribuito insieme all’invasione russa.

Guerra in Ucraina: Preoccupazioni

L’attuale conflitto ha messo a dura prova le relazioni USA-Russia e aumentato il rischio di un conflitto europeo più ampio. È probabile che aumentino le tensioni tra la Russia e i vicini paesi membri della NATO che probabilmente coinvolgerebbero gli Stati Uniti, a causa degli impegni di sicurezza dell’alleanza.

Inoltre, la guerra in Ucraina avrà ramificazioni più ampie per la futura cooperazione su questioni critiche come il controllo degli armamenti, la sicurezza informatica, la non proliferazione nucleare, la sicurezza energetica, l’antiterrorismo e le soluzioni politiche in Siria, Libia e altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *