Come funziona il Rosatellum, la legge elettorale con cui voteremo il 25 settembre?

Come funziona il Rosatellum, la legge elettorale con cui voteremo il 25 settembre?

Rosatellum, come funziona la legge elettorale con cui voteremo il 25 settembre?
Se c’è una cosa di cui la politica italiana non ha bisogno, è la continua instabilità. Ma una nuova legge elettorale, che è stata testata per la prima volta quando gli elettori sono andati alle urne a marzo 2018, aveva già aggiunto un ulteriore elemento di incertezza alle elezioni di quell’anno.

All’epoca il primo ministro era Paolo Gentiloni, era stato nominato nel dicembre 2016, era il quinto nuovo primo ministro in altrettanti anni e il quarto primo ministro non eletto di fila.

Le elezioni generali di quell’anno erano previste per il 4 marzo, ma non mostrarono segni di porre fine a quella instabilità.

I voti vennero espressi utilizzando una nuova legge elettorale mai testata: il Rosatellum, che si ripresenta per le elezioni del 26 Settembre.

Era una necessità dopo che l’Italia è stata lasciata con due diversi sistemi elettorali per le sue camere del parlamento nel dicembre 2016. L’ex primo ministro Matteo Renzi aveva riformato il modo in cui veniva eletta la camera bassa, ma i suoi tentativi di fare lo stesso al Senato fallirono, creando un sistema elettorale incoerente.

Nei mesi successivi, i partiti italiani erano alle prese con il compito di mettere insieme una nuova legge. Il risultato è “Rosatellum”, un nome che prende da Ettore Rosato, che guida il Partito Democratico alla Camera bassa e ha redatto una prima versione della legge, che è stata approvata in una versione modificata nell’ottobre 2017.

Quindi, come funziona effettivamente il Rosatellum e cosa significa per il futuro politico dell’Italia?

La prima cosa da sapere è che il parlamento italiano è composto da due camere o camere: la Camera dei Deputati (o Camera Bassa) con 630 membri, e il Senato (Camera Alta) con 315 membri. Affinché qualsiasi legge venga approvata in Italia, ha bisogno dell’approvazione di entrambe queste camere.

Gli italiani ottengono due voti, uno per ciascuna delle camere, e possono votare per diversi partiti in ciascuna se lo desiderano. In totale, il 37% dei seggi in ogni camera sarà assegnato tramite il sistema first-past-the-post (eletto direttamente) e il 64% proporzionalmente (eletto indirettamente in base alle liste).

Quindi alcuni seggi saranno occupati da candidati eletti direttamente per rappresentare la loro circoscrizione locale, con il resto diviso proporzionalmente tra ciascun partito a seconda delle loro prestazioni a livello nazionale.
Gli elettori non possono dividere il loro voto tra il sistema di rappresentanza first-past-the-post e proporzionale, quindi un voto per un candidato first-past-the-post è un voto per il partito o la coalizione con cui sono allineati.

Per essere più specifici, 232 seggi nella Camera Bassa e 102 nella Camera Alta andranno ai vincitori del first-past-the-post, mentre 398 e 213 saranno assegnati in base a liste di rappresentanza proporzionale. La maggior parte dei seggi assegnati attraverso la rappresentanza proporzionale sarà basata su liste nazionali, anche se un piccolo numero (12 nella Camera bassa e sei nella Camera alta) andrà al voto all’estero, assegnato sulla base di liste separate ma utilizzando ancora la rappresentanza proporzionale.

Per ottenere i seggi assegnati attraverso la rappresentanza proporzionale, i partiti devono ottenere un minimo del tre per cento dei voti in entrambe le camere; per le coalizioni, questa cifra sale al dieci per cento.

rosatellum	2.900	€ 1,59	
62
rosatellum bis	880	n/a	
56
rosatellum come funziona	70	€ 0,01	
59
rosatellum perchè si chiama così
legge elettorale rosatellum	1.900	€ 0,12	
54
legge elettorale	1.900	n/a	
62
perche si chiama rosatellum	1.000	n/a	
53
rosatellum bis	880	n/a	
56
nuova legge elettorale	720	€ 2,02	
64
legge rosatellum	590	€ 0,21	
57
la nuova legge elettorale	110	n/a	
58
rosatellum come funziona	70	€ 0,01	
59
liste bloccate rosatellum	50	€ 0,05	
52
legge elettorale italia
attuale legge elettorale	40	n/a	
56
nuova legge elettorale cosa prevede	30	n/a	
43
legge elettorale 2018	30	€ 0,05	
65
sistema elettorale senato	30	n/a	
40
legge elettorale camera	30	n/a	
49
legge elettorale in vigore	20	n/a	
62
legge elettorale italiana vigente	10	n/a	
45
sistema elettorale camera	10	n/a	
44
italia sistema elettorale	10	n/a	
47
testo legge elettorale
testo legge elettorale	10	n/a	
43
legge elettorale nazionale	10	n/a	
48
legge elettorale per il senato	10	n/a	
50
legge elettorale nuova	10	n/a	
63
legge elettorale 2018 come funziona

Per quanto riguarda il modo in cui le modifiche alla legge potrebbero influenzare il risultato finale, un grande cambiamento è che la soglia del tre per cento e il sistema first-past-the-post forniscono un incentivo per le coalizioni. Al fine di conquistare i seggi first-past-the-post, i partiti con prospettive simili saranno ricompensati raggruppandosi piuttosto che dividendo il possibile voto.

L’idea alla base di questo è che renderà l’Italia più governabile incoraggiando le coalizioni piuttosto che molti piccoli partiti, ma il M5S ha sostenuto che li penalizza (il partito si etichetta come anti-establishment e si rifiuta di entrare in coalizioni).

È una notizia particolarmente buona per Forza Italia, che ha recentemente vinto una serie di vittorie alle elezioni locali grazie alla sua capacità di costruire alleanze, ma è di cattivo auspicio per i partiti di sinistra, incluso il Partito Democratico al governo, poiché hanno visto diverse scissioni e disaccordi nell’ultimo anno.

L’assegnazione per i vincitori first-past-the-post nelle circoscrizioni elettorali avvantaggia anche i partiti con una forte base regionale. Il Partito Democratico potrà contare sul sostegno delle roccaforti di sinistra di Toscana, Emilia Romagna e Umbria, mentre la Lega Nord spera di raccogliere qualche voto first-past-the-post nelle regioni nord-orientali di Lombardia, Veneto e Piemonte.

Il risultato finale è l’ipotesi di chiunque al momento: questo è un territorio inesplorato. I sondaggi attuali suggeriscono che non ci sarà un chiaro vincitore, il che significherà che i partiti saranno costretti a negoziare dopo il voto.

Mentre la coalizione di centro-destra sembra andare bene, un parlamento sospeso è probabilmente il risultato più probabile, che potrebbe portare a una grande coalizione, o, meno probabilmente, al risultato che nessuno vuole: nuove elezioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *